Hey! Questo non si può fare! :-)

Vai alla galleria

“I miei amici diventeranno nulla.
I miei nemici diventeranno nulla.
Io stesso diventerò nulla.
Similmente, tutto diventerà nulla.”
(Shantideva – Bodhisattvacharyavatara)

Equidistante dai termini di questa antitesi, dal tutto e dal nulla, si trova l’indefinito.
L’indefinito è la porta, il simbolo terreno, attraverso il quale possiamo avere l’intuizione dell’infinito, che non limitando, non descrivendo, tutto comprende.
È questo il senso di questi paesaggi dai contorni sfumati: sono istanti che rimandano all’Eternità.

Vai alla galleria